Calcio, Andrea Agnelli è stato eletto presidente dell'ECA

Calcio, Andrea Agnelli è stato eletto presidente dell'ECA

Andrea Agnelli è il primo italiano a guidare l'associazione dei club eutopei: nuovo presidente dell'ECA. Rummenigge però ha deciso di non rinnovare la sua candidatura, appoggiando Andrea Agnelli.

COSE FORMALI - Si passerà alle "cose formali" solo oggi con il voto per i membri del board, l'organo che sceglierà il rappresentante dell'associazione dei club europei. Attualmente ne fanno parte 220 club provenienti dalle 53 federazioni della UEFA. Ha tessuto rapporti con i club più influenti d'Europa. Queste le prime parole di Andrea Agnelli. Agnelli succede a Rummenigge e automaticamente sarà confermato anche del Comitato Esecutivo dell'Uefa. Sicuramente due punti all'ordine del giorno saranno il fair play finanziario, che per il momento rimane ancora un nervo scoperto o comunque un qualcosa da perfezionare, e tutto il discorso legato alla tecnologia in campo, di cui stiamo avendo un assaggio in Italia e che, sempre con l'utilizzo del Var, si era vista anche nel corso della Confederations Cup. Poi, oltre a Lotito, la Roma con l'a.d. La SSC Napoli è stata rappresentata da Andrea Chiavelli, amministratore delegato del nostro club. Il nuovo (probabile) presidente Agnelli, anche su questo tema, ha una forte visione internazionale: conosce bene gli sport Usa ed è convinto che il calcio europeo, anche il disastrato giocattolo italiano, abbia potenti margini di sviluppo. Su queste basi, ha convinto grandi e piccoli a sostenerlo e l'astruso sistema di voto lo agevola.