Avellino, de Magistris: nostra lista per le prossime elezioni comunali

Avellino, de Magistris: nostra lista per le prossime elezioni comunali

"Un sindaco non deve promettere lavoro - ha sottolineato de Magistris -, ma creare le condizioni perché ci siano investimenti e questo a Napoli sta accadendo". "Fino a quel momento si facevano solo le riprese per Gomorra, oggi si fanno film anche sul riscatto di Scampia". "In questo modo, credo che troverò un Sud che si candida a governare il Paese, al di fuori della logica del sistema che dice 'vi ho portato i soldi, ricordatevi di me', lontano dal cancro costituito da politica, affari e mafie". Per le prossime amministrative, ha affermato de Magistris durante il colloquio con il giornalista Gianni Colucci del quotidiano Il Mattino, "ci stiamo lavorando. Napoli è Inferno, ma finalmente anche Purgatorio e Paradiso, e al di là della storia che non funziona niente, nel 2019 avremo 15mila atleti per le Univesiadi grazie alle quali tra un anno e due o tre mesi saranno pronti tutti gli impianti sportivi di Napoli che dopo i giochi potremo restituire alla città e ai giovani". "Abbiamo intenzione di radicarci come movimento politico". "Avellino è una città molto importante a cui Napoli è molto legata, in un cointesto ambientale unico".

Un affondo anche alla segretaria regionale del Pd Assunta Tartaglione che proprio ieri ha accusati De Magistris di affondare l'Azienda Napoletana Mobilità mentre la Regione ha salvato l'Eav "dimenticando di dire che il Governo ha dato 650 milioni di euro per non far morire l'azienda, mentre noi stiamo salvando la nostra società con modalità autoctone ma forti senza avere l'elargizione di denaro pubblico e riuscendo a mantenerla pubblica".

Il primo cittadino di Napoli e l'alto diplomatico russo hanno discusso di vari temi soprattutto quelli riguardanti i rapporti tra Napoli e la Russia auspicandone il rafforzamento anche sul piano degli scambi commerciali e delle imprese e dell'incremento dei flussi turistici dei cittadini russi verso la nostra città. Un percorso complicato: a Napoli stiamo dimostrando che dando forza alla gente, ripartendo dai valori semplici come l'autonomia e il coraggio, l'onestà, i beni comuni e la democrazia partecipativa, si possono migliorare servizi e qualità della vita anche senza soldi. "Ma io, in questi ultimi sei anni, non ho mai visto la Tartaglione". "Mastella è un avversario politico, ma lo ricordo con particolare rammarico come ministro della Giustizia di questo Paese".

Al termine dell'incontro, Luigi De Magistris è stato omaggiato dal presidente dell'Us Avellino, Walter Taccone, con maglia ufficiale e gagliardetto della squadra biancoverde.