Ubriaco tampona una Mini e uccide un 31enne a Milano

Ubriaco tampona una Mini e uccide un 31enne a Milano

L'automobilista peruviano ha già un precedente per guida in stato d'ebbrezza con conseguente ritiro della patente.

Arrivano nuovi particolari sull'incidente che è costato la vita a un giovane avvocato nella periferia di Milano.

L'impatto ha completamente distrutto la parte posteriore della Mini d'epoca del 31enne, non lasciando scampo al conducente. Non solo guidava in stato di ebbrezza - scrive il quotidiano - ma si era distratto per guardare il cellulare.

Al peruviano la questura di Milano aveva ritirato la patente. È in questo modo che a Milano un uomo di 34 anni ha travolto un'automobile al semaforo, uccidendo il guidatore.

Era fermo al semaforo rosso quando è stato tamponato a forte velocità da un furgone Mercedes, perdendo poi la vita per le gravi lesioni riportate. La vittima è morta sul colpo. Il pm ha chiesto la convalida dell'arresto e la custodia cautelare in carcere per omicidio.

L'ultimo caso è avvenuto a Milano: ubriaco e distratto dall'uso del cellulare mentre era alla guida, ha provocato l'incidente che ha ucciso Luca Andrea Latella, avvocato di 31 anni. Sul posto del terribile schianto sono arrivati i soccorritori del 118 che hanno cercato, senza successo, di rianimare il giovane. L'uomo di nazionalità peruviana, risultato positivo all'alcol test (1.5 il tasso rilevato) è stato prima portato a Niguarda per essere medicato, poi a San Vittore.