Mps, rosso per 3.2 miliardi. Ma crescono i clienti

Mps, rosso per 3.2 miliardi. Ma crescono i clienti

Nel primo semestre il margine di interesse è risultato pari a circa 903 milioni di euro, in flessione del 12,7% su base annua, per "effetto soprattutto della contrazione dei volumi medi e del calo dei rendimenti degli attivi fruttiferi, dinamica parzialmente attenuata dalla diminuzione del costo del funding".

E' invece proseguita la crescita dei depositi vincolati e dei conti correnti da clientela, saliti di 3,8 miliardi nel secondo trimestre e di 9,4 miliardi da inizio anno.

Nello stesso periodo gli altri ricavi della gestione finanziaria si sono attestati a circa 92 milioni di euro, rispetto a circa 369 milioni di euro del primo semestre 2016, "quest'ultimo caratterizzato da maggiori risultati da trading, cessioni/riacquisto titoli e plusvalenze sulle passività emesse valutate al fair value".

Quanto ai conti, la perdita da 3 miliardi di euro che il consiglio di amministrazione si appresta ad approvare è legata sopratutto al buco da 3,9 miliardi di euro provocato dalla cessione al 21% del pacchetto da 28,6 miliardi di sofferenze lorde, con il conseguente bagno di realtà sulle scritture contabili. Segue il 3.2% della banca, che detiene appunto una piccola parte di azioni proprie. La raccolta indiretta a fine giugno è stata di circa 96,6 miliardi, in flessione di 1,5 miliardi rispetto al 31 dicembre 2016 e di circa 0,3 mld di euro rispetto a marzo 2017. Rispetto al 31 marzo 2017 è invece in calo di 2,8 miliardi.

I valori di CET 1 e Total Capital Ratio, includendo l'operazione di aumento di capitale, sono stimati pari a 15,4% e 15,6%. Intanto la Consob ha ufficializzato i nuovo equilibri nel capitale: dietro allo Stato, titolare del 52,2% delle azioni, figurano le Assicurazioni Generali, secondo azionista col 4,32%.