Lazio, Inzaghi: "A Verona gara difficile, brucia la sconfitta dello scorso anno"

Lazio, Inzaghi:

"Sappiamo che affronteremo una squadra non semplice". La sconfitta subita in casa lo scorso anno brucia ancora. Sappiamo cosa ci aspetta, ci siamo preparati nel migliore dei modi. Dovremo fare risultato pieno a Verona.

Il 3-5-2 è una scelta dettata dalle necessità? Il tutto poi ovviamente dipende anche dai giocatori che avrò a disposizione. "Al di là dei moduli conta l'interpretazione dei singoli".

A 6 giorni dalla fine del calciomercato qual è lo stato d'animo? Dobbiamo completare la rosa, abbiamo problemi numerici perché sarà un percorso lungo e faticoso. E' uscito Hoedt, potrebbe uscire Keita, Tare sa che ci sono due ruoli da coprire. Dovremo vedere giorno per giorno come proseguirà il recupero. "Con i medici stiamo cercando di recuperarlo il prima possibile, ma dovrà rientrare quando sarà al massimo, e ora non è a disposizione".

"Oggi mi pongo solo il problema del Chievo". Ma ora concentriamoci su questa partita. All'occorrenza potremo cambiare modulo, dipenderà dai giocatori ma le risposte dei giocatori sono state ottime. "In Supercoppa è stato bello ma adesso la lasciamo da parte e testa al campionato". Non è sicuro il rientro dopo la sosta.

Chi sarà il secondo portiere? Guerrieri ha fatto bene, lo conosco, ma il secondo ora è Vargic.

Si accontenterebbe di una mossa controcorrente per sostituire Keita? E' normale che andrebbe benissimo se arrivasse qualche giocatore di esperienza.

Se n'è parlato, anche se non è un mancino è un giocatore importante, è da diversi anni in Italia e ha esperienza. "Sarebbe pronto all'uso. Dopo la sosta avremo partite ravvicinate". "Dopo la sosta porremo le nostre attenzioni all'Europa League, ora testa al Chievo". C'erano squadre meno blasonate. "Lo Zuelte lo conosciamo come il Nizza, sono arrivati bene in classifica nei rispettivi campionati". "In ogni caso è sempre l'arbitro a decidere". Forse era di un paio di cm fuori, il Var serve per tranquillizzare i giocatori in campo. Dobbiamo essere umili e determinati. Domenica non siamo stati fortunati perchè c'è stato un contatto netto fra Immobile e Oikonomu che poteva essere rigore.

LUIS ALBERTO - "Credo molto in lui, quest'anno è arrivato molto propositivo al ritiro".

L'inizio di de Vrij? E' un bravissimo ragazzo ed e' contentissimo di vestire questa maglia: "penso sia un punto fermo di questa squadra per il presente e anche per il futuro".

Le insidie di domani?