Google celebra l'Hip Hop e la Break Dance con un Doodle interattivo

Google celebra l'Hip Hop e la Break Dance con un Doodle interattivo

La Robinson ha prodotto alcuni tra i primi successi hip hop - come quelli del trio femminile The Sequence - e, anche se Google vi fornisce i suggerimenti, dopo aver provato il doodle interattivo andrete sicuramente a scovarne altri!

L'11 agosto del 1973, nel quartiere del Bronx, un DJ di americano diorigine giamaicana, Kool Herc, scese in strada nel noto quartiere newyorkese per organizzare una festa unica nel suo genere: il DJ unì, grazie ad una tavola giradischi che contava due piatti per dischi in vinile, univa le due anime della musica amata dai neri d'America, il funk ed il soul.

In Italia la cultura hip hop è ben radicata e, soprattutto a partire dagli anni '80, ha visto nascere diversi personaggi tra cui Jovanotti e i movimenti nati nei centri sociali, ensemble che hanno spesso preso il nome di "posse", parola anglofona che significa gruppo armato.

A diffondere il genere e la cultura hip hop hanno partecipato anche Kevin Donovan, in arte Afrika Bambaataa, che con Kool Dj Herc ha vissuto anche periodi di intensa competizione. Questi due DJ ebbero il merito di rendere popolarissimo l'hip hop in breve tempo in tutto il mondo, rivoluzionando il mondo della musica. Un'innovazione musicale di cui oggi non potremmo farne a meno. Da lì sarai catapultato nella storia di uno dei generi musicali più famosi e in voga di sempre. Se la si clicca si apre una finestra più grande, e inizia la parte divertente del doodle. Poi, per sbizzarrirsi, basta usare il cursore sui vinili per scratchare, modificare la velocità e mandarli avanti e indietro.