"Gold Wash": otto arresti nell'operazione condotta dalla Polizia di Frosinone e Cassino

La Polizia di Stato ha arrestato 8 egiziani accusati a vario titolo e in concorso tra loro, di tentato omicidio, rapina, estorsione, lesioni personali aggravate e danneggiamento.

Volevano ottenere con la violenza il controllo esclusivo nella gestione degli autolavaggi di Cassino, in provincia di Frosinone.

Ad emettere le misure coercitive della custodia cautelare in carcere nei confronti dei responsabili, in adesione alle ipotesi investigative del Commissariato cassinate, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Cassino, Massimo Lo Mastro, su richiesta del Sostituto Procuratore Alfredo Mattei.

Cassino. Racket degli autolavaggi. La polizia, durante gli accertamenti, ha anche scoperto che in diversi autolavaggi erano occupati giovanissimi migranti giunti in Italia con i barconi da una località vicino a Il Cairo, la capitale dell'Egitto.

I fatti risalgono al maggio scorso quando alcuni egiziani aggredirono in più occasioni alcuni connazionali, riducendone uno in fin di vita. Tre degli arrestati, poi, erano già sotto inchiesta della Squadra Mobile per un'altra rissa avvenuta a Frosinone nel 2016.