DNA: creati maiali OGM per trapianti di organi all'uomo

DNA: creati maiali OGM per trapianti di organi all'uomo

Certo, l'allevamento di maiali ad hoc con l'unico scopo di essere messi al mondo per essere utilizzati come fabbriche di organi apre un dibattito etico che non facilmente troverà una soluzione. Si utilizza la tecnica del Gene Editing, ovvero geni con modificazioni di alcune sequenze delle basi del DNA, adenina, citosina, guanina e timina e della clonazione per creare suini privi di malattie. Questi i virus integrati nel genoma del maiale possono essere inaspettatamente rilasciati, causando infezioni rischiose per la salute umana in caso di trapianto d'organo.

La loro pericolosità è stata verificata in laboratorio dagli stessi ricercatori: i virus sono riusciti a 'saltare' dalle cellule porcine alle cellule umane coltivate nella stessa provetta, e poi hanno continuato a propagarsi ad altre cellule umane mai entrate in contatto con quelle animali.

I ricercatori hanno individuato la posizione esatta di queste mine vaganti all'interno del Dna porcino. In questo modo è stato possibile dare vita a embrioni che una volta impiantati nell'utero di una scrofa, hanno dato vita a cuccioli completamente sani.

Molti maiali nati con questa tecnica, dopo circa quattro mesi sono ancora vivi.

Xenotrapianti ed etica. Gli xenotrapianti, questo è il nome dei trapianti tra specie diverse, rappresentano un obiettivo scientifico importantissimo che potrebbe salvare la vita a moltissime persone che oggi muoiono in attesa di un organo. Almeno di questo è convinto George Church, uno dei ricercatori del gruppo di Harvard che ha partecipato allo studio. Sono un po' più cauti altri scienziati e meno ottimisti altri.

David Sachs, infatti, professore di chirurgia alla Columbia University, dichiara: "Temo che gli obiettivi di trapianto su uomo siano più difficili da raggiungere rispetto a quanto ci si aspetti, ma spero di sbagliarmi".