Corea Nord vs Usa, "li ridurremo in cenere"

Corea Nord vs Usa,

"Vi spazzeremo via - si legge nel testo diffuso dai media Usa - vi cancelleremo dalla faccia della terra".

A queste esternazioni aveva reagito la Corea del Nord che, attraverso l'agenzia di stampa KCNA, dichiarava: "Il presidente Trump ci sta portando sull'orlo di una guerra nucleare", aggiungendo che "il comportamento isterico e imprudente di Trump potrebbe ridurre gli USA in cenere in ogni momento".

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov parla di "alto rischio di conflitto" tra gli Usa e la Corea del Nord, che causerebbe molte vittime. Lavrov però nel contempo ha espresso l'augurio che la situazione possa risolversi diplomaticamente tramite l'accettazione del piano russo-cinese che propone un "congelamento doppio" tra le parti in causa: da un lato Pyongyang rinuncerà a perseguire il riarmo atomico e ad implementare il suo programma missilistico, dall'altro Washington e Seul firmeranno una moratoria sulle esercitazioni militari a larga scala nell'area.

"Vediamo che cosa farà con Guam. Speriamo che Kim Jong Un trovi un'altra strada".

Può quindi non essere un caso la decisione della Russia di rafforzare i sistemi anti-aerei sul versante dell'estremo Oriente del Paese, quello più vicino alla Corea del Nord. Egli ha osservato che la minaccia è costituita anche da eventuali errori di mira: per i missili nordcoreani "la probabilità di errore è abbastanza alta". La Cina, che ha invece un confine lungo oltre 1.500 chilometri, perennemente guardato dalle forze armate, ha informato che sceglierà la neutralità nel caso il regime attaccasse gli Stati Uniti, ma che si schiererebbe con il.

Anche il Giappone si sta preparando al peggio, schierando e rendendo operativi i propri missili intercettatori. Il piano definitivo sarà completato entro metà mese e prevede che i vettori sorvolino lo spazio aereo nipponico delle prefetture di Shimane, Hiroshima e Kochi prima di colpire le acque intorno a Guam. Secondo quanto riferito all'Associated Press da fonti vicine al governo Usa, l'amministrazione Trump è impegnata dietro le quinte per tentare di avviare un canale di dialogo con la Corea del Nord.