Spari in casa, morti un ragazzo e una ragazza

Spari in casa, morti un ragazzo e una ragazza

Le indagini sono condotte dai Carabinieri della compagnia di Riva del Garda che sono riusciti a entrare in casa grazie all'aiuto dei Pompieri. Dovevano andare a convivere, dicono in paese.

"I ragazzi sono stati trovati nel bagno al piano superiore della casa - hanno spiegato - e l'arma risulta del giovane".

Non è ancora chiaro cosa sia successo all'interno dell'abitazione di Tenno, ma gli investigatori pensano che la pista più accredita sia quella dell'omicidio-suicidio anche se al momento non è stata esclusa nessuna pista. Stanga, anche vigile del fuoco volontario, lavorava da quattro anni alla cartiera di Riva del Garda e Baroni faceva la barista all'Hotel Mirage, sempre a Riva, a due passi da Tenno, nell'Alto Garda. Sarebbe stato lui a sparare, prima alla fidanzata, poi a sé stesso, secondo la ricostruzioen degli inquirenti. Una pistola per uso civile, sportivo.

Gli ultimi accertamenti sulla dinamica sono attesi per domani, con gli esiti di alcuni rilievi tecnici, quando verrà eseguita anche l'autopsia sui due corpi, disposta dal sostituto procuratore Valerio Davico, presente oggi sul posto coi carabinieri.

Si conoscevano fin da bambini ed erano fidanzati da sei anni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Choc a Tenno.

Duplice sconcertante tragedia poco fa in un'abitazione di Tenno. Niente, a parte qualche lite, sul movente del gesto, in assenza di biglietti o altri segnali lasciati in casa, così da far pensare ai carabinieri a un raptus, quindi a un'azione non premeditata.