Sassari, capotreno aggredita da un gruppo di nigeriani

Sassari, capotreno aggredita da un gruppo di nigeriani

Si tratterebbe di un gruppo di nigeriani. Non da meno testate sarde come Sardegna Oggi, che è decisa: "Gruppo di stranieri molesta sessualmente capotreno a Porto Torres" e L'Unione Sarda, secondo cui la lavoratrice era stata "aggredita e palpeggiata" e ora si trovava "sotto choc", mentre La Nuova Sardegna sull'edizione di oggi ha titolato come da immagini sotto.

L'ennesimo episodio di violenza di è verificato durante il controllo dei biglietti sul treno che era in partenza per Porto Torres che aveva come destinazione Sassari. La donna, infatti, è stata costretta a rivolgersi al pronto soccorso poiché in stato di shock; subito dopo sono stati identificati gli aggressori anche se al momento non risultano essere stati fermati.

Si sono vissuti momenti di tensione sabato sera all'altezza della ferroviaria di Salussola: protagonisti cinque extracomunitari che, forti di essere in gruppetto, hanno tentato di viaggiare a scrocco.

L'aggressione è stata denunciata dai rappresentanti sindacali della Fit Cisl. Antonio Piras, segretario generale di categoria ha dichiarato: "Non si può continuare così, con i lavoratori dei trasporti in balia dei violenti. Chiediamo la Protezione aziendale di Trenitalia un incontro urgente per valutare ulteriori azioni e iniziative da mettere in campo per meglio tutelare l'incolumità fisica del personale di front-line".

Resta comunque critica la posizione del sindacato Fit-Cisl Sardegna che, attraverso il segretario Valerio Zoccheddu, definisce "gravissima e imbarazzante" la smentita di Trenitalia.

La solitudine del personale di bordo, spesso sottoposto ad aggressioni e vessazioni, è ormai alla luce del giorno, considerati i casi degli ultimi anni. Più duro ancora, come prevedibile, "Il Giornale", che scriveva di "capotreno molestata dal branco di nigeriani" e addirittura RaiNews, che sul suo sito urlava "Capotreno chiede biglietto, violentata".