Mondiali nuoto, Quadarella bronzo in 1500 sl donne

Mondiali nuoto, Quadarella bronzo in 1500 sl donne

"Da Peaty ho molto da imparare".

Federica Pellegrini raggiunge la finale dei 200 stile libero vincendo la sua semifinale. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori. Non si sono mai visti questi tempi per entrare in una finale Mondiale.

Il primo mondiale dei grandi, e subito un bronzo. "Sicuramente ho sentito la tensione, speriamo di far meglio in semifinale".

Pronti, via ed è subito spettacolo.

In precedenza, medaglia d'oro per Sun Yang nei 200 stile libero maschili. Quest'oggi ha infatti conquistato un'ottima medaglia di bronzo ai Mondiali di Budapest nei 1500 sl, preceduta da Katie Ledecky e dalla veterana Mireia Belmonte Garcia. Commossa, commenta così la medaglia: "Era un anno che ci credevo, ci ho sempre creduto ma mi sembrava impossibile". "Abbiamo speso tanto per questo, è incredibile". "Il paragone con Alessia Filippi?". Non riesce a passare il turno Nicolò Martinenghi, nono con il tempo di 26 " 01. Ottavo e ultimo dei qualificati un finalmente e ufficialmente ritrovato Fabio Scozzoli che con 26 " 96 ottiene il personale e strappa proprio al giovane compagno di squadra il RI.

Per le altre medaglie la sfida ci sarà: se la spagnola è comunque favorita per l'argento, ci sono i margini per superarla. Nelle altre finali straordinaria Kylie Masse che con il tempo di 58 " 10 abbassa il record mondiale che apparteneva a Gemma Spofforth (58 " 12) fissato nel 2009. La mia nuotata è quella, devo limare il più possibile. L'iberica ha poi superato la romana con un rush finale folgorante, aggiudicandosi l'argento. Già oro nei 400 sl, la Ledecky si è imposta anche stavolta, rispettando i pronostici. Il più veloce in 1'54 " 03 è il nipponico Seto, poi c'è l'1'54 " 22 dell'ungherese Laszlo Cseh a 31 anni, iridato uscente, con Le Clos a 1'55 " 09 quarto dietro l'altro magiaro Kenderesi a 1'54 " 98.

Finale col botto della terza giornata con il terzo Record del mondo nei 100 rana femminili stabilito dall'americana Lilly "Queen" King 1'04 " 13 davanti alla connazionale Katie Meili che azzecca la gara della vita (1'05 " 03) mettendosi dietro la pluricampionessa russa Yuliya Efimova (1'05 " 05).

Trionfa ancora una volta Adam Peaty.