Migranti. Minniti. Fermiamo in Libia chi non ha diritto di protezione umanitaria

Migranti. Minniti. Fermiamo in Libia chi non ha diritto di protezione umanitaria

In programma stasera a Parigi il vertice tra Italia, Francia e Germania sul tema dei migranti.

"Con la Libia - spiega Minniti - abbiamo affrontato anche un tema cruciale, ossia quello dei centri di accoglienza, dove dovranno essere rispettati i diritti umani".

La LibiaL'Europa, però, è solo uno dei teatri di azione: "La partita fondamentale - ha dichiarato Minniti - si gioca in Libia, paese di transito" da cui è arrivato "nei primi 5 mesi di quest'anno il 97% dei migranti". Nonostante questo, durante l'evento internazionale "Unione, Dialogo Conoscenza contro la guerra alle religioni", promosso dalle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e della della Confederazione Internazionale Laica Interreligiosa CILI-Italia (#Cristianinmoschea), Il Ministro Plenipotenziario Enrico Granara, Coordinatore degli Affari Multilaterali del Mediterraneo e Medio Oriente presso il MAE, riporta i saluti della RIDE - Rete Italiana del Dialogo Euromediterraneo, ha anticipato che sono in cantiere una serie di iniziative che si concentreranno sull'accoglienza e sull'integrazione strutturando un lavoro comune che sia il più possibile preciso, per continuare a lavorare in modo circolare sul Mediterraneo. Se gli unici porti dove vengono portati i profughi sono italiani, c'e' qualcosa che non funziona.

"La partita fondamentale si gioca in Libia: il confine meridionale della Libia è il vero confine meridionale dell'Europa". Questo e' il cuore della questione. "Il destino dell'Europa nei prossimi 20 anni si gioca in Africa".

Importante passo avanti a favore dell'Italia nella gestione dei migranti, che si fa ogni giorno più drammatica. "Non risolverebbe i problemi dell' Italia ma sarebbe un segnale straordinario". L' Africa è uno specchio dell'Europa.

Nello scorso Vertice Ue- Nord Africa grandi sono state le richiesta della Libia per quanto concerne l'immigrazione.Si parla di navi, jeep e una centrale di controllo. "La cooperazione con l'Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) per l'accoglienza ha funzionato, c'è stato un aumento di comuni che hanno aderito, anche se non ci si può dire ancora soddisfatti". "In questo quadro di positiva collaborazione - dice il ministro - va vista anche l'istituzione della cabina di regia, coordinata dalla prefettura di Roma, che vede coinvolto il Campidoglio, la sindaca Raggi e tutte le altre am- ministrazioni". Minniti mercoledì sarà quindi a Strasburgo con i presidenti di Commissione e Consiglio europeo e giovedì e venerdì a Tallin, in Estonia, per il Consiglio Affari Interni.