Droga da Sorrento a Capri: altri due arresti sull'isola azzurra

Droga da Sorrento a Capri: altri due arresti sull'isola azzurra

Gli investigatori, in collaborazione con la polizia penitenziaria, hanno scoperto che uno dei pusher arrestati aveva in cella un cellulare con cui parlava con i familiari: il detenuto in galera era riuscito anche a costruirsi un artigianale machete utilizzando lamiere delle lattine di Coca Cola per la lama e cartoni assemblati con colla per il manico: le indagini proseguono per capire per quale motivo si era armato.

L'operazione è scattata nel primo pomeriggio quando i carabinieri della stazione di Capri hanno fatto irruzione nell'abitazione della 55enne ad Anacapri e l'hanno trovata in compagnia del giovane, che era già sotto osservazione da parte dei militari perché ritenuto appartenente all'organizzazione malavitosa di Napoli nota come "paranza dei bambini". Saliti sul convoglio, i militari si sono diretti verso l'uomo, lo hanno svegliato e poi portato in caserma a Jesi, dove è stato arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In casa nella zona di Villa Fastiggi aveva circa 3000 euro in contanti, tutti in banconote di vari tagli, provento dell'attività di spaccio. Si trattava di ben 100 grammi di cocaina e 20 di hashish, il tutto con il necessario kit per il confezionamento di sostanze stupefacenti. Il ragazzino, incensurato, dovrà rispondere del reato di spaccio.