Dieta e orari: quando si mangia aiuta a dimagrire

Dieta e orari: quando si mangia aiuta a dimagrire

"Tradotto sugli uomini, il nostro esperimento indica che una dieta è efficace solo se le calorie vengono assunte durante il giorno, quando siamo svegli e attivi" - dichiara il dottor Joseph Takahashi. Contemporaneamente, con gran sorpresa dei ricercatori, ha aumentato la voglia di muoversi (correndo sulla famosa ruota per criceti che non manca mai nelle gabbie delle cavie). "E ha mostrato esami del sangue pressoché perfetti".

In effetti questo studio può inquadrarsi nell'ambito del filone della crono-nutrizione. L'idea parte dal presupposto che i ritmi circadiani non regolino solo il ciclo sonno-veglia, il rilascio di ormoni oppure valori come la pressione sanguigna. Se non riceve il cibo negli orari stabiliti sarà poi costretto ad incamerare più grassi nel primo pasto utile per riguadagnare l'energia mancata.

Ancora una volta, gli antichi lo avevano già capito. Non importa se si mangia pasta, bistecca o gelato, l'importante è se vengono mangiati a colazione, a pranzo o a cena, addirittura a mezzanotte. Le stesse calorie assunte la mattina tendono a saziare di più rispetto a quelle della sera: ci lasciano cioè più tempo senza sentire di nuovo la sensazione di fame.

La dieta verde è un regime alimentare facile da seguire e che aiuta a perdere peso in soli 15 giorni: cosa mangiare per depurarsi e dimagrire.

Chi mangia in orari diversi, ad esempio di notte, rischia non solo l'obesità ma anche patologie come diabete, colesterolo e trigliceridi.

Stando però a una ricerca che è stata pubblicata su Cell Metabolism, riuscire a perdere peso non dipenderebbe soltanto dai cibi che scegliamo, ma anche dagli #orari in cui ci mettiamo a tavola. Divisi in due gruppi: mangiatori prima delle 15.00 e mangiatori dopo le 15.00, hanno riscontrato che coloro che mangiavano più tardi manifestavano, a parità di condizioni e programma, una perdita di peso inferiore. Il tempo di assunzione del cibo gioca un ruolo fondamentale nella regolazione del peso, spiega Marta Garaulet, PhD, professore di Fisiologia presso l'Università di Murcia in Spagna, e autore principale dello studio. Una ricerca sicuramente interessante che apre la strada a nuovi studi sull'influenza degli orari nell'alimentazione e nella dieta. "Sono sempre più numerose le prove a sostegno del fatto che la sana alimentazione allunga la vita e con il nostro studio abbiamo voluto studiare più a fondo l'associazione tra cambiamenti nell'alimentazione e mortalità" esordisce Mercedes Sotos-Prieto, della Harvard school of public health di Boston, prima autrice della ricerca che ha coinvolto circa 74mila adulti statunitensi partecipanti a due grandi studi iniziati negli anni '70 e '80 del secolo scorso.