De Rossi capitan presente: "Senza Totti più responsabilità per tutti"

De Rossi capitan presente:

Daniele De Rossi si prepara a vivere la prima stagione da capitano della Roma a tutti gli effetti, dopo l'addio di Francesco Totti al calcio giocato, e lo stesso centrocampista giallorosso ha parlato ai microfoni di Roma TV nel corso del ritiro pre-campionato e si è espresso sull'attesa per la prossima stagione. Questo è il 16°, è un orgoglio per me. Il primo è stato nell'estate 2001, c'era un entusiasmo contagioso per lo Scudetto. Le motivazioni per andare avanti? Per quanto riguarda il mio ruolo, io mi sento quasi unico, fino a quando il fisico reggeva sono stato una mezzala universale, segnavo e difendevo, poi sono diventato un centrale. Una carriera non è eterna. Me le danno l'amore per la squadra e per la città, voglio ripetere la stagione dello scorso anno.

Come vivi il fatto che le persone ti vedono come un simbolo, il tuo amore viscerale per la Roma?

"Ho sempre lavorato per diventare qualcosa di importante per i tifosi della Roma, la pressione non l'ho mai sofferta troppo - aggiunge - Essere un simbolo per i romanisti è una responsabilità". "Ci sono poi le milanesi, la Lazio e tutte le altre.". "Modulo? è stato uno dei moduli più usati dagli allenatori che ho avuto, da Spalletti a Garcia, stiamo lavorando per assimilare i concetti del mister, simile a quelli di Zeman, dal punto di vista offensivo è ottimo per noi". Abbiamo perso giocatori importanti ma sono stati rimpiazzati da gente brava. Under è il più giovane, non l'avevo mai sentito nominare ma ci sta facendo capire perché la Roma ci abbia investito.

Infine, il punto sulla campagna acquisti giallorossa: "Tutti i nuovi mi hanno lasciato felicemente sorpreso - ha chiarito De Rossi -: Gonalons e Defrel li conoscevo meglio, Kolarov non c'è bisogno di descriverlo". Dovremo sudarci molto i primi punti.

"Mi interessa perchè voglio iniziare, le amichevoli hanno valenza minore, l'inizio non poteva essere migliore o peggiore a seconda del punto di vista, incontriamo squadre forti, alla seconda contro il nostro ex mister, porterà anche molti tifosi allo stadio".