Banditi armati di pistola, rapina in sala giochi a Latina

Banditi armati di pistola, rapina in sala giochi a Latina

In manette erano finiti Flori Sejdini, 24 anni, colpito da un'ordinanza di custodia in carcere, e Zef Paluca, 39 anni, il basista, che ha l'obbligo di dimora, accusati di essere gli autori materiali della rapina alla pensionata aggredita nella sua villa di via della Ralle a Camigliano, insieme ai complici che giocarono un ruolo fondamentale per la fuga a bordo di due auto "pulite": Kristian Kulli, 24 anni, ai domiciliari, e Ciprian Vasile Deesy, 40 anni, colpito invece dall'obbligo di dimora. "Un' indagine - ha detto il questore di Perugia, Francesco Messina - che merita di essere riferita bene". I malviventi, stabili sul territorio del comune perugino - dove vivevano con le famiglie e lavoravano saltuariamente - sono sospettati di fare parte di una vera e propria banda criminale, viste le modalità attraverso cui hanno compiuto i reati.

A svolgere le indagini sono gli uomini della Volante di Latina.

Rapina a mano armata in una sala scommesse di Montecchio di Vallefoglia, nella provincia di Pesaro e Urbino. I tre sono stati sottoposti a fermo per rapina, furto aggravato e possesso ingiustificato di armi. La seconda volta era stato addirittura tenuto legato per ore ad un albero in una zona boschiva, per obbligarlo a segnalare ai rapinatori la possibilità di entrare nella sala.

I banditi, che non hanno tradito un particolare accento, sono fuggiti dopo aver preso i soldi. Le indagini proseguono per ritrovare gli orologi e gioielli rubati in casa e per fare chiarezza su una possibile appartenenza dei giovani a una banda organizzata dedita al furto e alla ricettazione.