WhatsApp manda in pensione i vecchi smartphone: ecco quali

WhatsApp manda in pensione i vecchi smartphone: ecco quali

Nel "mirino" di WhatsApp non solo però i device con Symbian 60: l'app di messaggistica istantanea - attualmente di proprietà di Facebook Inc. - non sarà infatti più supportata nei dispositivi con sistema operativo Windows Phone 7, BlackBerry OS e BlackBerry 10.

Se avete degli smartphone particolarmente datati, con sistemi operativi ormai obsoleti, dal 30 giugno rischiate di non ricevere più alcun aggiornamento per WhatsApp. L'annuncio, in realtà, era giunto già alla fine dell'anno scorso, ma ora i tempi stringono e per gli appassionati di WhatsApp si potrebbero profilare brutte sorprese all'orizzonte. Queste le motivazioni fornite dal Team di Assistenza WhatsApp.

Tra gli smartphone che non supporteranno più la famosa applicazione di instant messaging anche alcune versione di Android tra cui il Galaxy Ace, Ace 2, Ace Plus e il Galaxy S Advance.

Ci sono importanti novità riguardo a WhatsApp, l'applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata al giorno d'oggi. Quando fu lanciata per la prima volta nel 2009, il mercato degli smartphone aveva una percentuale quasi totale di BlackBerry e Nokia e Google Play non era ancora esistente. Nello specifico, occorre passare almeno a una versione di Android successiva alla 2.3.3, a iOS7 di Apple o Windows Phone 8. App Store era nato da pochi mesi, il 70% degli smartphone venduti aveva un sistema operativo BlackBerry o Nokia.

"Queste piattaforme - spiega il Team Assistenza WhatsApp - non offrono il tipo di performance di cui avremo bisogno per espandere le funzionalità della nostra applicazione in futuro".

E ha continuato: "È stata una decisione ardua ma giusta, presa per offrire alle persone modi sempre migliori per tenersi in contatto con gli amici, la famiglia e tutti quelli che amano usare Whatsapp".