Visco: "Sistema elettorale non chiaro e per i mercati significa incertezza"

Visco:

Ad affermarlo il Governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, nel corso di un'intervista al Festival dell'Economia di Trento, interpellato sull'esistenza di poteri forti. "Non è neanche chiaro il sistema che in questo momento si sta proponendo". "Non so - ha detto Visco - se e come i mercati possono rispondere a un sistema elettorale proporzionale, non è il mio mestiere. Credo che i mercati rispondano all'incertezza", dichiara il numero uno di palazzo Koch. "Devono arrivare a mettersi d'accordo non tanto sulla protezione di interessi particolari, quanto sul modo più efficace di innovare e rendere il Paese più capace di rispondere alle sfide globali".

"Credo - ha aggiunto il governatore - che le difficoltà più grandi siano sul piano delle riforme".

"E' la crisi più grave nella storia del Paese - ha sottolineato - più grave di quella degli anni '30, che a livello internazionale è chiamata Grande Depressione". Visco bacchetta chi oggi ha "ricette magiche" per abbattere il debito e invita a mettere in campo un "impegno faticoso", che deve includere anche una spending review che parta dal basso e non solo dall'alto: "Bisogna chiedersi cosa serve oggi e cosa non serve oggi". Il governatore difende l'azione di vigilanza della Banca d'Italia e lancia una frecciatina all'Europa, che sull'introduzione del bail-in è stata frettolosa, citando il caso delle quattro banche (Etruria, CariChieti, Carife e Banca Marche) finite in risoluzione.