Venezuela, italiano arrestato in corteo di protesta

Venezuela, italiano arrestato in corteo di protesta

Lo riferiscono fonti della Farnesina, che sta dando "la massima attenzione" al caso.

Un paramedico italiano che si trovava nella zona di Chacao a Caracas, per prestare volontariato e soccorrere i manifestanti feriti, è stato arrestato dalla polizia, e si trova ora nel comando della guardia nazionale del distretto della capitale.

Gli avvocati del molfettese parlano di una imboscata e di qualcosa montato ad arte e comunque Angel sarebbe estraneo alle accuse: in Italia studiava canto mentre lì era diventato paramedico.

Venezuela, italiano arrestato in corteo di protesta
Venezuela, italiano arrestato in corteo di protesta

Si tratta di Angel Faria Fiorentini, 25enne, arrestato lunedì scorso durante un corteo davanti al Ministero dell'Edilizia contro il presidente Maduro a Chacao, distretto di Caracas.

"Chiediamo che Maduro e il suo governo non reprimano il dissenso, rispettino la separazione dei poteri e la legittimità democratica dell'Assemblea nazionale così come i diritti umani, incluso il diritto a manifestare pacificamente", scrivono Gentiloni e Rajoy, secondo cui "è tempo di definire una piattaforma negoziale che attivi una dinamica di riavvicinamento e di responsabilità comune tra le forze contrapposte". La console Carmen Taschini è in contatto con la famiglia e ha chiesto il permesso di visitare il connazionale. Il giovane sarebbe, a detta del suo avvocato, totalmente estraneo ai fatti contestatigli: è stato accusato persino di terrorismo in aula. Fiorentini è stato fermato insieme ad altri 23 giovani. Ora Angel, madre italiana e padre venezuelano, rischia tantissimo. Ma è innocente, non ha fatto nulla. Perillo ha però nega che l'azione di protesta sia stata così violenta. Dal primo aprile sono stati 74 i morti nelle proteste contro la decisione di Maduro di indire elezioni per un'assemblea costituente.