Venezia, nube nera sovrasta la città: in fiamme un capannone dei rifiuti

Venezia, nube nera sovrasta la città: in fiamme un capannone dei rifiuti

L'incendio è divampato la mattina di mercoledì 7 giugno probabilmente dallo scoppio di una bomboletta in fase di triturazione. Non si registrano fortunatamente feriti gravi, ma solo 4 addetti dell capannone lievemente intossicati e trasferiti all'ospedale per gli accertamenti del caso. Numerose le segnalazioni ai Vigili del Fuoco, sia dagli abitanti della zona sia da coloro che si trovavano al centro di Venezia. Si tratta di un vasto incendio in un capannone che tratta rifiuti ingombranti, perlopiù materassi e legno, nello stabilimento Eco-Ricicli Veritas di Fusina.

PER ORA NESSUN PERICOLO DA ARPAV - L'agenzia ambientale regionale ha attivato il Sistema integrato per il monitoraggio ambientale e la gestione delle emergenze (Simage) per la vicinanza del deposito di carburanti della Decal, che ha attivato la procedura di emergenza. Capace di trattare 28.800 tonnellate di ingombranti all'anno, l'impianto permette di recuperare più materiali possibili da questi rifiuti. divani, materassi, tavoli, letti, scaffali vengono infatti smontati, recuperando le parti riutilizzabili che seguono poi le filiere del riciclaggio. Il testo in effetti era abbastanza allarmante: "Arpav e Protezione Civile raccomandano di mantenere chiuse le finestre e di non uscire all'esterno degli edifici se non indispensabile pertanto, a scopo precauzionale, vi invitiamo ad attenervi a tali indicazioni". Nel pomeriggio il vento dovrebbe continuare a spirare da Nord-est con debole intensità (20-30 chilometri orari), in serata potrebbe intensificarsi.

Sul posto stanno attualmente lavorando 9 squadre dei Vigili del fuoco, con 3 mezzi con autopompa, 2 autobotti, un'autoscala e tre squadre di supporto. Sul posto è intervenuto un apposito punto medico di emergenza predisposto dal Suem: una cinquantina le persone, secondo l'Ulss 3, che sarebbero andate a farsi controllare per precauzione. "Ci hanno assicurato che la situazione è sotto controllo - dichiara il Presidente del consiglio comunale Franco Rosi - e che sono esclusi problemi per la città e i cittadini di Treviso".