Vaccini, bombe carta contro Lorenzin

Vaccini, bombe carta contro Lorenzin

Contenevano diversi chiodi le due piccole bombe carta trovate già esplose all'esterno degli ex distretti Asl di Ponte San Pietro e Sant'Omobono Terme, in provincia di Bergamo. A rivendicare il gesto è un movimento di estrema destra, il Mab (Manipolo Avanguardia Bergamo), vicino a tesi 'no vax', manipolo di neonazisti non nuovo a episodi di cronaca, come la parata nera al Campo X di Milano e le minacce al giornalista di Repubblica Paolo Berizzi. "Ho un proiettile in canna", questo il commento che un utente avrebbe postato sotto ad un post che il medico ha pubblicato su Facebook per sostenere il decreto sui vaccini obbligatori per l'iscrizione all'asilo nido e alla materna, deciso dal governo proprio nei giorni scorsi. "Atti gravissimi da parte di chi su un argomento importante come i vaccini e la salute dei cittadini sta utilizzando la violenza, inasprendo i toni di un dibattito già di per se incomprensibile, perché mette in dubbio verità scientifiche". "Per il progresso scientifico contro la dittatura medica, per la libertà di scelta vaccinale". "Sull'argomento vaccini - tuona l'assessore - si stanno superando i limiti, dimenticando che al centro c'è una questione prima di tutto di salute pubblica che le Istituzioni hanno il dovere di tutelare mantenendo le percentuali di adesione ai vaccini al di sopra della soglia del 95%, identificata come condizione essenziale per garantire l'immunità di gregge e quindi la salute dell'intera comunità". L'assessore Gallera richiama alla responsabilità: "Invito tutti ad abbassare i toni, gesti gravissimi come quelli contro il ministro Lorenzin o il professor Burioni non devono più ripetersi".

I manifesti mostrano l'immagine del ministro Lorenzin, attorniata da scheletri e con una grande siringa in mano. "Pensare che, fra coloro che incontriamo ogni giorno, vi sia chi è pronto a ricorrere alla violenza invece che al dialogo, ci sprona a continuare nella nostra opera di educazione e prevenzione con ancora maggiore motivazione".