Ucciso in ospedale, arrestata infermiera

Ucciso in ospedale, arrestata infermiera

Ha un volto la persona che ha ucciso Celestino Valentino, 77 anni, in una corsia dell'ospedale di Venafro in provincia di Isernia. I dettagli sull'intera vicenda saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà questa mattina alle ore 10.30 presso la Procura della Repubblica di Isernia, dove verrà fornito anche un video.

La donna avrebbe somministrato ad un paziente 76enne ricoverato per ictus, padre di una sua collega, dell'acido cloridrico, causandogli gravi lesioni al cavo orale che hanno portato l'anziano al decesso dopo atroci sofferenze.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti la donna, 45enne, avrebbe fatto ingerire della soda caustica all'anziano, lo scorso 22 giugno 2016, mentre era ricoverato in ospedale.

Le indagini portarono subito alla infermiera che aveva lavorato all'ospedale di Venafro e, da poco tempo, era stata trasferita al nosocomio di Isernia. Secondo gli investigatori il movente è il risentimento personale nei confronti della figlia di Valentino: per via della malattia del padre aveva potuto usufruire della legge 104 ed evitare il trasferimento, toccato invece all'indagata. Celestino Valentino ucciso con la soda caustica da un'infermiera Venafro. La famiglia della vittima proprio alcuni mesi fa aveva sollecitato la magistratura, attraverso una lettera, ad assicurare l'assassino alla giustizia.