Tesla pensa ad un proprio servizio di musica in streaming

Non solo hardware e software, quindi, ma contenuto: secondo voci provenienti dall'industria musicale - non confermate né smentite dai vertici Tesla - Musk starebbe contattando le major label per siglare accordi di licenza per la distribuzione della musica dei grandi nomi della musica attraverso una nuova piattaforma proprietaria, ovviamente digitale.

Elon Musk, il visionario ed eclettico patron di Tesla e Space X è un vulcano di idee: dopo aver punato a rivoluzionare il mondo con le sue automobili completamente elettriche e l'intenzione di contribuire alla conquista di Marte, il genio dei nostri tempi ha pensato ad un servizio di musica in streaming tutto suo, indirizzato all'intrattenimento delle sue innovative ed ecologiche autovetture. Chi non si lamenta sono le etichette discografiche, ben liete di vendere i diritti della propria musica anche alla casa automobilistica.

Questo servizio di musica streaming sarà disponibile in bundle con tutte le auto Tesla e non verrebbe rilasciato come offerta standalone. L'obiettivo, come dichiara il portavoce della Tesla, sarebbe quello di offrire ai clienti diversi livelli di servizi, così che possano scegliere quello che preferiscono. "Il nostro scopo è quello di permettere ai nostri utenti di raggiungere il massimo della soddisfazione nell'utilizzo dei nostri prodotti".

Ma allora perché non stipulare una partnership con Spotify o con Apple Music?