"Storie in divisa", carabinieri come attori per la nuova serie tv

Un esperimento che se otterrà la giusta attenzione di pubblico potrebbe avere un seguito. La serie, frutto di tre mesi di lavoro realizzato da tre giovani filmaker sotto la supervisione di Burchielli, ha richiesto particolare cura in fase di montaggio per garantire la privacy delle persone coinvolte senza togliere efficacia ed emozione alle attivita' investigative e operative.

"Questo docu-reality è per noi particolarmente importante perché dobbiamo rapportarci con l'opinione pubblica, che si forma attraverso i mezzi di informazione".

La serie "Storie in divisa", che andrà in onda dal 20 giugno su Canale 5, è stata presetata ieri (martedì) nella sede del comando provinciale di via Moscova alla presenza del presidente di Mediaset Fedele Confalonieri e dal comandante generale dell'Arma Tullio Del Sette. "Far uscire la loro umanità e il contatto diretto con la cittadinanza". Se ci sarà da realizzare una seconda tranche la studieremo insieme e ben venga.

Nel pomeriggio la visita ai Comandi Arma molisani si è conclusa ad Agnone, dove il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, accompagnato dal Generale di Corpo d'Armata Giovanni Nistri, Comandante Interregionale "Ogaden", è stato accolto dal Comandante della Compagnia, Maggiore Andrea Orsini, e dal Comandante di Stazione Luogotenente Francesco Leomanni, ed ha incontrato il personale della locale Compagnia. Magari non corrispondenti al vero. Protagonista di Storie in divisa è la caserma di Rho, comandata dal Capitano Simone Musella, 29 anni. Nel corso delle tre puntate, si ha modo di conoscere sempre più a fondo alcuni militari impegnati nelle operazioni, ognuno con il suo stile e il suo carattere. E due donne operative: il Maresciallo Ordinario Alice Tagliaferro (Sottordine alla Stazione) e il Carabiniere Francesca Castano (Addetto alla Stazione).