Samsung | I primi monitor Quantum Dot HDR per il gaming

Samsung | I primi monitor Quantum Dot HDR per il gaming

Dotate di tecnologia Quantum Dot, le due versioni del CHG70 hanno come fiore all'occhiello l'High Dynamic Range (Hdr), tecnologia per l'ottimizzazione dell'immagine spesso riservata solo ai Tv che promette un'immagine realistica e dettagliata anzi, nelle parole di Samsung, consente di "visualizzare i giochi proprio come sono stati pensati dagli sviluppatori".

Chi sceglie i modelli più piccoli (si fa per dire, soprattutto pensando che parliamo di pannelli con una lunghezza tra i 70 e gli 80 cm), non rinuncerà a una luminosità da record da 600 nit di picco e alle risoluzioni 2560×1440 (WQHD), e ovviamente alla gamma colori dei contenuti HDR. Si e No. Questa tecnologia fa uso di nanocristalli con un nuovo nucleo metallico e permette di supportare circa il 125 percento dello spettro di colori sRGB, addirittura il 95 percento dello standard cinematografico DCI-P3 (Digital Cinema Initiatives).

Sono entrambi monitor con curvatura 1800R e formato 16:9. Il vantaggio di un monitor come questo è che spariscono d'incanto i fastidi e le interferenze al gioco causati dalle cornici centrali che si creano usando due monitor affiancati.

Ideale per giochi sparatutto in prima persona, titoli di racing, simulatori di volo e giochi d'azione, il Samsung CHG90 ha frequenza di aggiornamento pari a 144 Hz e un tempo di risposta di 1 ms.

Già disponibili sul sito italiano di Samsung, il più grande dei due, chiamato C32HG70, viene proposto a 699 euro mentre il più piccolo C27HG70 costa cento euro di meno.

Sia il modello Samsung CHG90 da 49 pollici sia il modello CHG70 hanno ricevuto la convalida della compatibilità hdr con le schede grafiche Nvidia.