Rogo Centocelle, fermato un 20enne per la morte delle tre sorelline rom

Rogo Centocelle, fermato un 20enne per la morte delle tre sorelline rom

Poco fa gli agenti della Sezione Omicidi della Squadra Mobile di Roma, in collaborazione con la Squadra Mobile di Torino, hanno fermato Seferovic Serif, 20 anni, pregiudicato per piccoli reati contro il patrimonio. Serif Seferovic è "gravemente indiziato" di essere il responsabile del triplice omicidio.

Di sicuro c'è solo che lo scorso 10 maggio nel parcheggio del centro Commerciale Primavera di piazza Mario Ugo Guatteri, il camper degli Halivovic aveva preso fuoco.

Seferovic è accusato di omicidio plurimo, tentato omicidio plurimo, detenzione, porto ed utilizzo d'arma da guerra e incendio doloso. Nel dicembre del 2016 il giovane era stato arrestato dalla polizia per il furto della borsa della studentessa cinese Zhang Yao, morta poco dopo essere stata investita da un treno mentre inseguiva i suoi scippatori alla stazione di Tor Sapienza, sempre nella Capitale.

Sin dai primi esiti dell'attività di indagine, basata tra l'altro sull'assunzione di informazioni testimoniali e analisi di impianti di videosorveglianza presenti nell'area interessata, è subito emerso che quanto accaduto era da ricondursi a problematiche esistenti tra il nucleo famigliare Halilovic ed uno dei Seferovic, maturate all'interno del campo nomadi di Via Salviati. A quanto ricostruito, pochi giorni prima del rogo del camper la famiglia Seferovic aveva repentinamente abbandonato il campo. "Infatti, l'omicidio del 10 maggio e' stato preceduto da alcuni episodi di litigi e danneggiamenti, sintomatici del clima esistente" fra i due nuclei familiari. Dalle indagini della polizia si e' riusciti a localizzare la compagna del 20enne in Sardegna, che, "costantemente monitorata, nella serata di ieri, si e' imbarcata su un traghetto per Genova da dove, nella mattinata odierna, a bordo di un treno, e' partita alla volta di Torino, citta' dove vivono alcuni parenti della famiglia di S.S.", spiega la polizia. Il ragazzo non ha opposto resistenza al fermo. Il fermato avrebbe inoltre un furgone con le caratteristiche di quello presente sulla scena del delitto.