Raikkonen pronto ad aiutare Vettel: la Ferrari prima di tutto

Raikkonen pronto ad aiutare Vettel: la Ferrari prima di tutto

Kimi Raikkonen è pronto ad aiutare il compagno di squadra Sebastian Vettel nella rincorsa al titolo iridato.

Poi sul gap accumulato in queste prime gare nei confronti di Vettel, ha proseguito: "La differenza è grossa, ma quando hai delle gare negative succede". Finora io ho fatto alcune buone corse, mentre Seb è andato forte ovunque.

"Purtroppo non ci sono garanzie rispetto a quanto è accaduto in passato, perché è un circuito completamente diverso rispetto a Monaco, anche se è un cittadino".

"Non posso promettere nulla, Baku è un tracciato differente da quello di Monaco - ha risposto il finlandese - La nostra vettura è competitiva, quindi vedremo dove riusciremo a piazzarla". "Non lo so, siamo stati molto vicini più o meno a ogni gara, quest'anno".

Si tratta di un circuito che riserva svariati pericoli, dunque in pista occorre mantenere alta la tensione e l'attenzione: "In generale il circuito è piuttosto insidioso: il lungo rettilineo è molto veloce, poi ci sono delle curve lentissime e anche se il fondo è liscio la gestione gomme è fondamentale". "La prima cosa è fare in modo che entrambe le Ferrari stiano davanti; poi, se Sebastian fosse in grado di vincere e io no, certamente lo aiuterò". Qua e là ho avuto qualche problema, ho avuto un ritiro, nemmeno l'ultima gara è stata ideale, ed è andata così. Altre volte mi è stato detto che avrebbero esibito la foto agli amici, come prova di avermi visto, e mi è venuto spontaneo dire "ma non sono veri amici se senza la prova fotografica non ti credono".

" "Le regole all'interno del team sono chiare e non sono cambiate". Quando il tuo compagno di squadra va sempre sul podio, è logico che il divario in termini di punti si amplia. In casa Ferrari però per il momento non stanno pensando di provare a sfruttare le scie in qualifica, perché temono che possa rivelarsi addirittura controproducente. Risponde Kimi: "No, non abbiamo alcun programma al riguardo. La cosa importante è che la Ferrari vinca, mettere la macchina nella miglior posizione possibile", ha detto in conferenza stampa.