Raggi a rischio processo per falso e abuso d'ufficio

Raggi a rischio processo per falso e abuso d'ufficio

Sono abbastanza tranquilla. Depositeremo atti con cui sono certa di riuscire a spiegare. Così Virginia Raggi, che rischia il rinvio a giudizio per falso e abuso d'ufficio nell'inchiesta sulle nomine di Salvatore Romeo e Renato Marra, ha commentato in Campidoglio il suo primo anno da sindaco di Roma. Virginia Raggi si è detta "orgogliosa dei consiglieri che hanno dato vita alla commissione sui piani di zona". Chi ha sbagliato deve pagare" perché "ci sono famiglie che si stanno trovato per strada. La Raggi sarebbe indagata in concorso con il primo per abuso d'ufficio per quanto riguarda la nomina a capo della segreteria: Romeo passò in quell'occasione da uno stipendio annuo pari a 39000 (derivante dalla sua posizione di funzionario del Dipartimento partecipate) a una busta paga di circa 120000 euro poi scesa, tramite un intervento dell'Antitrust a 93000 euro. Noi siamo qui e ci mettiamo la faccia.

Significativi sono anche i numeri che riguardano l'elettorato del M5S: a giudicare positivamente l'operato della sindaca è il 47% di chi vota Grillo (era il 53% nel settembre 2016), mentre a giudicare negativamente l'operato della sindaca è il 41,2% degli elettori (era il 27% nel settembre 2016). I pm ritengono la scelta non legittima e contraria ad alcuni pronunciamenti dalla Corte dei Conti ma hanno valutato insussistente l'elemento soggettivo del reato. Per questa stessa vicenda, l'accusa di abuso d'ufficio resta ancora valida per Raffaele Marra.