Poliziotto in coma a Roma: "È meningite"

Poliziotto in coma a Roma:

La profilassi non è prevista in quanto non si tratta di meningite da meningococco: il 26 enne lavora principalmente nelle stazioni della Metro, a bordo degli autobus e nei controlli stradali.

La meningite torna a far preoccupare Roma. L'agente, ora ricoverato in coma, è sotto osservazione e in prognosi riservata nell'istituto specializzato nella cura delle malattie infettive.

I medici ritengono che quello che affligge il giovane, che presta servizio presso la caserma Maurizio Giglio di via Guido Reni, sia un caso di meningite a liquor limpido.

Il poliziotto sarebbe stato colpito nei giorni scorsi da febbre molto alta che è risultato impossibile abbassare con il ricorso ai tradizionali sistemi farmacologici. "Al momento non si hanno notizie sulla positività di agenti batterici, potenzialmente responsabili della condizione", specifica la Questura di Roma che non ha emanato una comunicazione stampa bensì una nota interna dell'Ufficio Prevenzioni Generale e Soccorso Pubblico della Sezioni Volanti. Ma la preoccupazione tra i colleghi, e non solo, è tanta.