Pil: il Nord-Est traina la crescita, il Sud in linea con l'Italia

Pil: il Nord-Est traina la crescita, il Sud in linea con l'Italia

È quanto emerge dalle stime dell'Istat, che vede al top la zona orientale dell'Italia settentrionale e in sofferenza le regioni centrali, dove il mercato del lavoro registra sì un aumento ma pari a meno della metà rispetto alla media nazionale.

L'Italia si ricompatta così intorno al rialzo del Pil, la media nazionale coincide infatti con quella del Centro Nord e meridionale (guardando sempre alle variazioni percentuali, a prescindere dai livelli). "Tra le ragioni c'è sicuramente la questione irrisolta del Mezzogiorno, che secondo i dati Istat di oggi, nel 2016 registrerà un incremento del Pil dello 0,9%, contro un +1,2% del Nord –Est".

Per quel che riguarda gli andamenti settoriali dell'occupazione, nel Mezzogiorno, segnala l'Istat, la crescita riguarda, in particolare l'industria, il settore che comprende commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni e gli altri servizi (rispettivamente +2,6%, +2,1% e +2,0%). Il Nord-ovest e' caratterizzato da incrementi maggiori nel commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+3,0%) e nei servizi finanziari, immobiliari e professionali (+1,0%). Anche nel Centro, i risultati migliori riguardano i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+3,0%) e l'agricoltura (+2,3%). Quanto al Mezzogiorno l'aumento è più marcato nell'industria (+3,4%), mentre nell'agricoltura si rileva una decisa diminuzione (-4,5%). Anche nel Nord-ovest le migliori performance si registrano per l'agricoltura (+1,9%) e per il settore che raggruppa commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+1,9%) ma sono in crescita anche industria (+1,1%) e costruzioni (+1,0%). Registrano un calo i servizi finanziari, immobiliari e professionali (-0,4%) e gli altri servizi (-0,6%). In calo invece nel Centro (+0,6%). L'occupazione in Italia è cresciuta, nel 2016, dell'1,3%, con l'aumento maggiore nel Nord-est (+1,8%), seguito dal Mezzogiorno (+1,6%).