Parigi, auto contro furgone della polizia sugli Champs-Elysées

Parigi, auto contro furgone della polizia sugli Champs-Elysées

Di nuovo terrore in Francia.

L'automobilista, bloccato e subito arrestato, è morto: l'auto era andata a fuoco nell'impatto. Collomb ha poi aggiunto che quanto accaduto conferma l'alto livello di minaccia terroristica e la necessità di varare la nuova legge antiterrorismo promessa da Macron. Si tratta di un "atto terroristico", dicono fonti del ministero dell'Interno. L'ultimo in termini di tempo è stato un attacco compiuto con un martello contro un poliziotto davanti alla Cattedrale di Notre Dame. Al momento non si riscontrano feriti tra i poliziotti e la zona è stata fatta evacuare immediatamente. Aveva con sé un kalashnikov e delle munizioni, avrebbe progettato di far esplodere le bombole di gas presente nell'automobile. Per le forze dell'ordine si tratterebbe di un gesto volontario.

L'uomo che sarebbe responsabile dell'attentato è nato nel 1985 ed è schedato S, sigla riservata per i sospetti radicalizzati. A poche centinaia di metri, meno di due mesi fa era stato ucciso un poliziotto in un attacco jihadista. La stazione della metropolitana Champs-Elysées è stata chiusa su richiesta della polizia, riferisce la Rapt, cioè l'ente che gestisce i trasporti a Parigi e nell'Ile de France.