Panico in metro a Napoli, ubriaco perde coltello

Panico in metro a Napoli, ubriaco perde coltello

Di qui il fuggi fuggi e la calca, con gente travolta nella ressa per fortuna senza feriti gravi.

"Era un uomo alto, scuro, forse un mulatto - racconta una testimone oculare all'Ansa - aveva una bandana sulla testa e portava dei pantaloni aderenti".

In stato di evidente agitazione, molto probabilmente ubriaco, ha messo in evidenza un notevole coltello a lame seghettate che portava infilato nella cintura, provocando in pochi secondi, enorme panico tra i passeggeri che si sono immediatamente accalcati innanzi le porte del vagone della metro che, intanto, era appena arrivato nella stazione dei Colli Aminei. I vigilantes di servizio nella stazione sono intervenuti e sono riusciti a disarmare l'uomo, in attesa dell'arrivo della polizia. "Una volta sul treno, affollato, è passato accanto a me e ad altri passeggeri e ha sollevato la maglietta, lasciando vedere un coltello lungo e affilato". È un senza fissa dimora e si esclude ogni forma di collegamento con organizzazioni terroristiche.

L'uomo è un 31enne svedese, già noto alle forze dell'ordine, da circa 20 mesi in Italia e che già in precedenza ha attirato l'attenzione delle forze dell'ordine in altre città italiane per comportamenti legati all'abuso di alcol.

L'uomo è stato arrestato dalla Polizia per porto abusivo di arma e resistenza a pubblico ufficiale.