Nuovo cyberattacco colpisce società in tutto il mondo

Nuovo cyberattacco colpisce società in tutto il mondo

Su Twitter è comparso un post pubblicato dal vice premier dell'Ucraina, Pavlo Rozenko, il quale ha spiegato che i server del governo sono stati violati, mostrando l'immagine di un computer con la schermata di errore.

ANCHE RUSSIA COLPITA - Kiev accusa Mosca, ma anche i sistemi informatici di alcune grandi aziende russe, e banche, sono stati bersagli dell'attacco hacker, come il colosso petrolifero russo Resnoft o quello della siderurgia, Evraz.

Molte le aziende colpite nel resto del mondo, dal colosso britannico della pubblicità Wpp, alla compagnia alimentare Mondelez International, ma anche Mars, Nivea, Saint Gobain.

Secondo la società di cyber sicurezza Group-IB, il virus responsabile del "cyber-disastro" sarebbe 'Petya' e non 'WannaCry'. Nell'aeroporto di Borispil, in Ucraina, si registrano ritardi ai voli.

Secondo quanto riporta la Bbc, l'attacco hacker ha colpito anche l'agenzia pubblicitaria britannica Wpp e il colosso dei trasporti marittimi Moller-Maersk. La rete di pirati informatici avrebbe usato il virus ransomware Petya per compiere l'attacco.

"Credo non ci sia nessun dubbio che dietro a questi 'giochetti' ci sia la Russia perché questa è la manifestazione di una guerra ibrida". Secondo la ditta di spedizioni express Nova Pochta, si tratta di un ransomware Petya.

L'attacco hacker ha colpito anche in Norvegia e sta interrompendo i servizi di una non identificata "compagnia internazionale". Stando alle prime ricostruzioni, i sistemi interni tecnici della centrale "funzionano regolarmente" mentre sono "parzialmente fuori uso" quelli che monitorano "i livelli di radiazione". Rozenko ha aggiunto che anche i computer del gabinetto ucraino sono in questo momento inaccessibili, nella foto pubblicata si vede distintamente un messaggio d'errore dove vi è scritto che diversi file di sistema sono danneggiati e necessitano di una riparazione. Il cyberattacco, che ha colpito la Russia e l'Ucraina, si sta espandendo ad altre società europee, in particolare in Francia, Gran Bretagna e Danimarca. Così il portavoce di Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha commentato segnalazioni di attacchi di hacker di massa in Russia.