MotoGP Assen: Valentino Rossi "Spero di essere competitivo"

MotoGP Assen: Valentino Rossi

Questa però è un'altra prima fila, adesso vedremo che tempo farà per la gara, sembra che le condizioni peggioreranno, ma anche sull'acqua non siamo andati malissimo. Me la godo, dopo un anno è ancora più bello. Serve una vittoria per riaccorciare le distanze dai piloti che lo precedono, Assen potrebbe essere la pista giusta a patto che il numero 46 ritrovi il feeling smarrito con la sua M1: il campionato mondiale è ancora aperto, il sogno del decimo titolo, quello che lo farebbe entrare ancor di più nella leggenda, è vivo ma serve un'inversione di tendenza per non rovinare quanto di buono messo in mostra nelle prime gare. "E poi spero in una gara o tutta bagnata o tutta asciutta, insomma una gara vera dall'inizio alla fine".

Il team Movistar Yamaha MotoGP è deciso a tornare a lottare per le posizioni di vertice nella Cattedrale delle due ruote: dopo il GP di casa Maverick Vinales ha visto il suo vantaggio in classifica iridata ridursi a soli sette punti su Andrea Dovizioso, vincitore delle ultime due gare, affrontando un tracciato che l'ha visto trionfare due volte nella categoria minore del Motomondiale, oltre ad aver conquistato altri due podi tra Moto3 e Moto2. Mi rendo conto che il ritorno al passato non è mai piacevole - ha dichiarato ai microfoni di SportRider - ma dobbiamo trovare le sensazioni del 2016. Anche Petrucci poteva fare la pole, ma alla fine l'ho spuntata io. Assen è una pista positiva per la nostra moto, c'è un buon grip, quindi ci dovrebbe aiutare, è tutto da vedere, siamo molto curiosi...

"E' sempre un problema partire così indietro, undicesimo". Ho avuto una chance e l'ho sfruttata, sono contentissimo. "Un secondo podio, o forse anche qualcosa di più".