MotoGP Assen: Danilo Petrucci, "Sono più arrabbiato che felice"

MotoGP Assen: Danilo Petrucci,

Per Rossi è la 115esima vittoria in moto e soprattutto è il rilancio delle ambizioni da titolo: ora davanti a tutti c'è Dovizioso sulla Ducati, autore di una risalita brillante che a un certo punto ha fatto sperare anche qualcosa in più del podio, e che ha ora 4 punti di vantaggio su Maverick, 7 su Rossi e 11 su Marquez. Rossi con una staccata supera Marquez, portandosi in seconda posizione, poi la svolta in positivo e in negativo in casa Yamaha: mentre Rossi riesce a sorpassare, con una manovra decisa, anche Zarco, portandosi al comando, il leader del Mondiale Vinales finisce la sua gara dopo una brutta caduta, per fortuna senza conseguenze. Questa vittoria significa che anche nel 2017 ho vinto almeno una volta ed è quello che conta di più. "Non è cattivo - sorride Rossi -, è proprio che non è capace, non capisce le distanze". Dopo essere stato sorpassato da Petrucci e da Valentino si è trovato a battagliare con Crutchlow e Dovizioso durante le ultime tornate, quando la pista semi bagnata rendeva l'asfalto difficilmente interpretabile e alla fine il suo talento è venuto fuori consentendogli di agguantare l'ultima porta di accesso al podio. Penso che con una gara tutta asciutta non sarei riuscito a recuperare Rossi, invece quando ha cominciato a piovere sono ritornato sotto e ho riprovato a superarlo. Petrucci ci ha creduto fino alla fine di riuscire a sorpassare Rossi nel giro finale e vincere la sua prima gara in MotoGP.

Più contento del 2° posto o più incavolato per aver perso di un soffio il primo? Queste sono dunque le caratteristiche essenziali della pista olandese che ospita il mitico Dutch TT, ufficialmente Tourist Trophy come quello sull'isola di Man (clicca qui per la griglia di partenza scaturita dalle qualifiche di ieri ad Assen). Sono felice per me e per la squadra. Allora ho pensato che negli ultimi giri potesse smettere e mi sono fatto coraggio perché oggi bisognava vincere a tutti i costi.

"Ero parecchio arrabbiato perché mi ero preparato, sapevo dove passare Valentino". Sono stato rallentato sia da Barberà che Rins.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.