Mosul, cibo avvelenato in un campo profughi: due morti

Mosul, cibo avvelenato in un campo profughi: due morti

Il campo dove è avvenuto il fatto è pieno di sfollati scappati dalla guerra e si trova nei dintorni della città ancora teatro di violenti combattimenti tra i miliziani dell'Isis e le forze governative che stanno cercando di strappare al Califfato gli ultimi quartieri del centro.

Due morti (una donna e una bambina) e oltre settecento intossicati, di cui la metà sono in gravi condizioni. La notizia è stata data dal ministro della Salute, che non ha però specificato se l'episodio sia stato accidentale o intenzionale. Sul caso comunque le autorità irachene hanno lanciato un'indagine formale.

"Unhcr è estremamente preoccupata per gli eventi accaduti nel campo", ha commentato in una nota l'agenzia Onu che si occupa dei rifugiati. La televisione statale dell'Arabia Saudita ha accusato, senza alcuna prova, la Raf di fornire pasti contaminati, nonché sono state mostrate alcune immagini che ritraevano alcuni bambini del campo "avvelenati dall'organizzazione terroristica Qatari Raf". Il campo ospita i civili fuggiti da Mosul; si parla di circa 6'235 persone.