Morto lo studente 22enne condannato a 15 anni in Corea del nord

Morto lo studente 22enne condannato a 15 anni in Corea del nord

E' morto Otto Warmbier, lo studente Usa rilasciato dalla Corea del Nord la scorsa settimana. Lo rende noto la famiglia in un comunicato diffuso dall'ospedale dell'Ohio, dove il giovane era ricoverato.

Il segretario di Stato Rex Tillerson in una nota afferma: "Noi riteniamo che la Corea del Nord sia responsabile per l'ingiusta detenzione di Otto Warmbier, e chiederò la liberazione di altri tre americani che sono stati illegalmente detenuti".

Aveva 22 anni ed era in coma da più di un anno. Ve lo ricordate? Era lo studente statunitense di economia dell'Università della Virginia (nella foto) che l'anno scorso gli erano stati inflitti 15 anni di lavori forzati in Corea del Nord. Come ha riferito in serata la famiglia dello studente, "il terribile maltrattamento" subito dal ragazzo da parte dei nordcoreani "è stato tale da non permettere altro esito" se non la triste scomparsa di Warmbier. Dopo oltre 17 mesi in prigione, era stato rilasciato e trasportato in Usa, dove i medici avevano constatato severi danni al cervello, anche se la causa non è ancora chiara.

"Cose brutte" accadono in Corea del Nord, un regime "brutale", ma "almeno è morto a casa dai suoi genitori", dichiara Trump in un commento alla notizia durante un evento alla Casa Bianca.