È morta Anita Pallenberg, musa dei Rolling Stones

È morta Anita Pallenberg, musa dei Rolling Stones

E' morta all'età di 73 anni l'attrice Anita Pallenberg, simbolo femminile della Swinginþ London degli anni '60, di un' epoca di formidabile creativita' e trasgressioni oltre ogni fantasia.

Lasciò Brian Jones dopo due anni, per Keith Richards: lei e il chitarrista degli Stones hanno avuto tre figli. L'annuncio sul profilo Instagram di Stella Schnabel, attrice figlia del pittore e regista statunitense Julian.

LE ORIGINI E L'INCONTRO CON I ROLLING STONESNata a Roma il 6 aprile 1944, era figlia di un agente del turismo italiano, Arnoldo Pallenberg, e della segretaria tedesca Paula Wiederhold. La notizia della sua scomparsa ha lasciato il segno in Richards che oggi ha commentato la morte del suo grande amore con queste parole: "Sono devastato". "Non ho mai incontrato una donna come te, Anita", ha scritto su una foto che le ritrae insieme e sorridenti. Fu dopo una violenta scenata di Jones che Keith Richards la portò con sé in Inghilterra e i due iniziarono a fare coppia fissa. È apparsa anche in un episodio di 'Absolutely Fabulous' con Mick Jagger e con l'amica di sempre Marianne Faithfull. Quando la loro storia finì era il 1980: Palleberg iniziò a dedicarsi alla moda e si divise tra l'Europa e gli Stati Uniti.

Negli anni settanta aveva incarnato iconicamente la figura della groupie diventando la musa di un band leggendaria come i 'Rolling Stones' (la bellissima hit Angie era proprio dedicata a lei), in quel periodo è fiorita anche la sua carriera cinematografica con ruoli chiave in film come 'Barbarella' (in cui interpretava Black Queen) e 'Dillinger è morto'. Mentre lavorava al film, Anita iniziò a drogarsi di eroina, nel 1977 venne arrestata a Toronto per uso di stupefacenti e lei e Keith Richards andarono in un centro di riabilitazione.