Modena, uccide il compagno a coltellate e si costituisce

Modena, uccide il compagno a coltellate e si costituisce

E' stata la stessa donna, di pochi anni più giovane, ad avvisare la polizia e a consegnarsi agli agenti. Claudio Palladino, dopo che gli sono state inferte tra addome e torace ben otto coltellate, è stato anche evirato. La compagna, V.P., 50enne romena, sarebbe l'ex badante dei genitori di lui.

C'è sgomento tra i vicini della coppia, che descrivono i protagonisti della tragica vicenda "due persone tranquille" e che questa mattina hanno sentito le urla provenire dall'appartamento.

Mentre il suo racconto è considerato compatibile, per quanto riguarda la dinamica del fatto di sangue, con le prime verifiche effettuate sul posto da investigatori, inquirenti e medico legale viene giudicato a poco credibile il movente. Ha cercato di difendersi. Da capire il perchè del gesto, visto che le prime spiegazioni della donna sono state ritenute "fantasiose". Claudio Palladino, a sua volta, era stato sposato in passato con un'altra donna dalla quale aveva avuto una figlia che ora è 30-enne. Verona Popescu, invece, ha un figlio di 20 anni, che vive in un appartamento vicino a quello del delitto, grazie anche ad un aiuto economico del dirigente assassinato. La donna ha confessato di essere stata lei ad ucciderlo, ma resta ancora un mistero il movente.