Londra: furgone sulla folla di fronte alla moschea di Finsbury Park

Londra: furgone sulla folla di fronte alla moschea di Finsbury Park

Negli anni Novanta la Finsbury Park Mosque fu oggetto di alcune indagini per la presenza dell'imam Abu Hamza al-Masri, ora in prigione negli Stati Uniti per terrorismo. Si tratterebbe di un 48enne senza barba, che dopo essere piombato sulla folla con la propria vettura avrebbe pronunciato frasi di sfida in direzione delle persone accorse sulla scena.

Sull'accaduto indaga la polizia indaga. La polizia ha però dichiarato che al momento non risultano complici. "L'attacco porta tutti i segni del terrorismo", ha aggiunto la polizia, facendo appello alla "calma e affermando che più poliziotti sono stati dispiegati in città".

(Agenzia Vista) Londra, 19 giugno 2017 Un uomo si è lanciato con il suo furgone contro un gruppo di fedeli musulmani a Finsbury Park, a nord di Londra. Dopo aver investito le persone, l'uomo sarebbe sceso dal veicolo con un coltello in mano e avrebbe colpito almeno una persona. "C'era un gran caos - racconta una donna che vive di fronte alla moschea - Non ho visto l'attacco, ma ho sentito un gran caos". Il guidatore è stato bloccato e picchiato dalla comunità islamica, prima di essere arrestato dalla polizia. I feriti ricoverati in ospedale sono una decina.

Londra, ritorsione contro i musulmani. Tra queste, due sarebbero state "ferite seriamente". Secondo il Muslim Council of Britain, l'investimento davanti alla moschea è stato "deliberato" a causa di "una violenta manifestazione d'islamofobia".

Le prime reazioni politiche non hanno parlato di attentato.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha detto che si tratta di un "orrendo attacco terroristico contro londinesi innocenti". "Sono totalmente scioccato per quello che è successo a Finsbury Park ieri notte", ha scritto il leader del Labour Jeremy Corbyn.