"Libertà di scelta sui vaccini" Genitori in piazza Le immagini

"È l'atto più amorevole che potete fare".

Sabato (3 giugno) a Firenze si terrà un convegno nazionale dal titolo Libertà di cura: una scelta europea, organizzato da Assis - Associazione studi e informazioni sullasalute, con la collaborazione di Terra Nuova edizioni. Il risultato della non vaccinazione non sarà l'esclusione dalla scuola, ma la sanzione ai genitori. In particolare, i genitori che non vaccineranno i figli per l'iscrizione a scuola dai 6 ai 16 anni rischiano multe da 500 a 7.500 euro, che saranno irrogate dalle aziende sanitarie. "Il decreto - ha chiuso - non lo posso anticipare. Spero vivamente - conclude Rocco - che il dibattito scientifico in tema di vaccinazioni si svolga all'interno della categoria dei medici e dei ricercatori, nelle sedi adeguate, come i congressi e la letteratura specifica, evitando le arene mediatiche dove i concetti antiscientifici trovano fertile terreno su cui proliferare". "Si sta cercando di fare tutto il possibile per facilitare le procedure nelle regioni".

All'obbligatorietà, si associa anche il 'pugno duro' contro i trasgressori. A Genova Luvi De Andrè, figlia di Fabrizio e di Dori Ghezzi, si è schierata oggi pubblicamente contro il decreto Lorenzin. Perché non moriamo? Grazie al nostro sistema immunitario. Nel piano del Governo, l'obbligo passa da 4 a 12 vaccini: ad anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica e anti-epatite B, si aggiungono, quindi, anti-pertosse, anti-Haemophilusinfluenzae tipo B, anti-meningococcica B e C, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella. Il clima in questi giorni è peggiorato, ha premesso Giubilei: ci sono state anche minacce, manifestazioni e una bomba carta è stata lanciata contro un centro vaccinale. Durante l'incontro, Ricciardi ha mostrato alcune fotografie di ammalati di vaiolo e di poliomielite. "Gli altri virus continuano a circolare", ha sottolineato. "L'anno scorso, in tutti i paesi Europei e vicini ci sono stati in totale 5.000 malati".

Secondo gli esperti sono molte le morti che potrebbero essere evitate con i vaccini.

I numeri forniti sono impressionanti. "Non siamo contro le vaccinazioni, siamo per la libertà di scelta" dicono gli organizzatori della manifestazione. Il problema è che non viene fatto. La posizione di Ricciardi non lascia spazio a interpretazioni:"I vaccini hanno salvato milioni di vite, dobbiamo continuare a vaccinare". "Il 70% dei genitori in Italia e' convinto dell'importanza dei vaccini, il 30%, soprattutto le madri, ha timori". "Molto più probabile essere eletti in Parlamento (1:117.000) o morire di incidente stradale (1:112)".