Lavoro occasionale, nuovi voucher in partenza il 10 luglio

Fermo restando il limite di retribuzione per anno solare previsto per i nuovi voucher e la procedura di acquisto tramite il sito Inps, la Manovra 2017 ha disposto regole e casi specifici in cui si può utilizzare. Le disposizioni normative sono già note: l'art.

Segui su Facebook tutte le novità su pensioni e lavoro.

DUE TIPOLOGIE DI LAVORO ACCESSORIO: Famiglie e micro-imprese useranno un "libretto famiglia" con i voucher elettronici (eliminati i buoni lavoro cartacei) da 10 euro netti invece che lordi come prima.

I nuovi voucher decolleranno il 10 luglio.

Nonostante le finalità siano le stesse, tra i nuovi voucher 2017 e i precedenti buoni lavoro Inps ci sono molte differenze.

Il Libretto Famiglia consiste in un libretto del lavoro occasionale virtuale, cioè gestito telematicamente. In secondo luogo i limiti di retribuzione e le modalità di richiesta e attivazione. Dal primo luglio quindi, nel bel mezzo della stagione turistica estiva i commercianti avranno a disposizione dei nuovi voucher con caratteristiche diverse dai predecessori. Il nuovo strumento, formalmente, prende il nome di contratto telematico di prestazione occasionale sintetizzato in PrestO.

PrestO potrà essere utilizzato dalle imprese con non più di 5 dipendenti assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

La circolare Inps su PrestO e libretto famiglia arriverà entro il 30 giugno, la piattaforma di gestione sarà attiva a luglio, ecco da quando. L'utilizzatore inoltre, almeno un'ora prima dell'inizio della prestazione e attraverso la medesima piattaforma, o via Contact center, ha l'obbligo di comunicare i dati anagrafici e identificativi del prestatore, luogo di svolgimento della prestazione, oggetto della prestazione, data e ora di inizio e termine della prestazione. Ma soprattutto, dopo la comunicazione di inizio collaborazione da parte del committente, il lavoratore potrà entrare a sua volta nella piattaforma e confermare le informazioni inserite.

Cambiano le regole per la retribuzione: il lavoratore non dovrà più riscuotere i voucher Inps presso banche o tabaccherie, ma con PrestO riceverà l'accredito direttamente sul proprio conto corrente o tramite bonifico dall'Inps, ed entro il 15 del mese successivo alla prestazione.

Gli unici limiti posti dal legislatore sono di carattere economico. Al datore di lavoro i buoni costeranno 12 euro considerato che i contributi per un'ora pagata 10 euro sono pari a 1,65 euro alla gestione separata Inps e 0,25 euro all'Inail. Il pagamento di questa prestazione occasionale avverrà tramite il nuovo voucher o buono lavoro del valore generico di 9 euro netto per ogni ora di lavoro. In questo modo non sarà possibile per il committente annullare la prestazione successivamente. In mancanza l'INPS provvederà al pagamento delle prestazioni e all'accredito dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi.