Italia U21, Petagna: 'Tutti ci temono e c'è un perché'

Italia U21, Petagna: 'Tutti ci temono e c'è un perché'

La sua Under 21 si è imposta 2-0 sulla Danimarca nel match d'esordio. Gli azzurrini di Di Biagio superano a Cracovia il primo scoglio del Girone C battendo la Danimarca per 2-0 con le reti, entrambe nel secondo tempo, di Pellegrini e Petagna, e rispondendo subito alla Germania, che nel pomeriggio si era imposta con analogo risultato sulla Repubblica Ceca. Una vittoria, quella dell'Italia, tra le selezioni con l'età media più alta e con i giocatori di maggiore esperienza, che continua a vederla favorita nel torneo.

ITALIA (4-3-3) - Donnarumma; Conti, Rugani, Caldara, Barreca; Pellegrini, Gagliardini, Benassi (73′ Grassi); Berardi (67′ Chiesa), Petagna (88′ Cerri), Bernardeschi. C'è Donnarumma in porta, nonostante le polemiche delle ultime ore, e il tridente Bernardeschi-Petagna-Berardi in attacco. La Danimarca prova a farsi vedere, bello l'intervento di Donnarumma (contestato da alcuni tifosi milanisti presenti allo stadio) sul tiro a giro di Hjulsager. Prima i fischi, appena prende il pallone, poi anche uno striscione offensivo ("Dollarumma") e addirittura le fotocopie di dollari poi gettate in campo dietro la porta.

Il gruppo più equilibrato e impegnativo di questa edizione degli Europei Under 21. "Tuttavia, non dobbiamo pensare troppo ai nostri avversari, ma a quello che faremo noi in campo". Il primo tempo termina sullo 0-0, con nessuna delle due squadre capace di cambiare l'inerzia del match. E dall'altra parte c'è Bernardeschi, un vero e proprio lusso. A rompere il ritmo a tratti compassato della gara ci ha pensato Pellegrini: autore dello straordinario gol del vantaggio, realizzato con una rovesciata da incorniciare al 54esimo. Il centrocampista del Sassuolo fa un gol strabiliante sbloccando una gara che rischiava di essere insidiosa per gli azzurrini.

I cambi di Di Biagio riescono però a regalare altro brio in avanti: soprattutto Chiesa è il solito attaccante caparbio e capoccione.