Il risparmio gestito accelera con i fondi

Secondo la mappa mensile di Assogestioni, l'industria del risparmio gestito ha registrato a maggio una raccolta di 11,5 miliardi di euro, un dato che segna un'accelerazione rispetto ai 9,029 miliardi di euro registrati ad aprile.

La spinta arriva in particolare dai fondi aperti, che hanno aggiunto 12,4 miliardi, mentre risultano in flessione invece le gestioni di portafoglio (-1 mld). Il patrimonio gestito mette a segno un nuovo record storico a 2.005 mld.

Per quanto riguarda i singoli gestori, Generali vede una raccolta netta positiva per 3,12 miliardi, di cui +4,29 miliardi sui fondi aperti e -1,45 miliardi dalle gestioni di portafoglio istituzionali. Tornando alle masse gestite, il peso delle gestioni collettive maggio è aumentato sensibilmente (50,3%), superando per la prima volta l'incidenza di quelle di portafoglio arretrate al 49,7 per cento.

Nello specifico, guidano la raccolta i fondi obbligazionari (+7,2 miliardi), seguiti da flessibili (+2,7 miliardi), azionari (+2,4), e bilanciati (+2,2).

DEFLUSSI - A registrare i maggiori deflussi nel mese è stato il gruppo Allianz, con -775,1 milioni di euro. Il patrimonio gestito da Generali ammontava a fine mese a 470,4 miliardi, pari al 24,1% del comparto. Sul podio in seconda posizione troviamo il gruppo Intesa Sanpaolo con 384,158 miliardi di euro (295 Eurizon Capital e 89,1 Fideuram), e al terzo posto Pioneer Investments con 145 miliardi di euro.