Il malware Judy potrebbe aver infettato 36 milioni di dispositivi Android

Il malware Judy potrebbe aver infettato 36 milioni di dispositivi Android

Oggi in particolare vi riportiamo una serie di dati riguardanti gli incassi degli sviluppatori di app nei due store: che l'App Store fosse mediamente più redditizio per uno sviluppatore rispetto alla controparte Android era noto da tempo, ma forse in pochi si sarebbero aspettati un divario così netto come ci raccontano questi dati.

Nonostante la consistente presenza di pubblicità sulle app infette, queste erano riuscite ad ottenere un buon successo su Google Play Store, tanto da registrare in alcuni casi fino a 18 milioni di download.

Un altro aspetto in cui l'App Store di dimostra superiore al Play Store è la varietà di categorie che riescono ad affermarsi come redditizie economicamente: nel Play Store, tre quarti degli sviluppatori che hanno raggiunto il milione di dollari di guadagni sono rappresentati da creatori di videogiochi, tutte le altre categorie possono solo spartirsi le briciole; viceversa nell'App Store i videogiochi occupano il 47% del totale (affermandosi come la categoria più nutrita) e il resto della torta, ben più consistente rispetto allo store di Google, è spartito più o meno equamente fra altre categorie come le app di social network, quelle di foto e video, di intrattenimento ecc.

Il malware Judy su Play Store ha colpito circa 36,5 milioni di utenti Android creando falsi clic pubblicitari. Una volta installate sui terminali, le app infette aprivano una pagina web nascosta che identificava le pubblicità online e simulava il clic effettuato dall'utente. Per evitare il bounce da parte di Google che analizza i click e non genera revenue per i click non validi, l'applicazione sfruttava lo smartphone dell'utente per tentare di bypassare questo filtro. Le app coinvolte sono state eliminate, ma il numero esatto di vittime è tutt'ora ignoto. "Una volta che il sito web è stato lanciato, il malware utilizza il codice JavaScript per individuare e fare clic su banner degli annunci Google Infrastrutture", ha detto Check Point Technologies.

Resta valido il consiglio di installare un sistema di antivirus per progettere il proprio smartphone anche se alcuni malware a volte non vengono rilevati come tali.