Google, multa Ue record da 2,42 miliardi di euro per pratiche anti-concorrenziali

Google, multa Ue record da 2,42 miliardi di euro per pratiche anti-concorrenziali

L'organo di controllo Ue dovrebbe sanzionare Alphabet, la holding del colosso statunitense Google per abuso di posizione dominante, in particolare di aver manipolato i risultati di ricerca sul proprio motore per avvantaggiare Google Shopping. La maximulta inflitta ammonta 2,4 miliardi di euro. Il record precedente è di Intel, la società che produce microprocessori, che aveva ricevuto una multa di 1,06 miliardi di euro nel maggio del 2009 per posizione dominante sul mercato. La commissione Ue non rilascia commenti sul caso Google, mentre l'azienda Usa dichiara di "continuare a collaborare costruttivamente con le autorità europee - e di considerare - buone per i consumatori, gli operatori e la concorrenza le innovazioni dello shopping online".

Ciò che Google ha fatto è illegale per l'Antitrust europeo. "Quando fate acquisti online - continua Walker - quello che volete è trovare in maniera facile e veloce i prodotti che state cercando". E' per questo "che Google mostra le pubblicità per gli acquisti mettendo in contatto i nostri utenti con migliaia di inserzionisti, grandi e piccoli, in modi che che siano utili per entrambi". Mountain View ha sempre rivendicato la sua innocenza e ha definito le accuse "errate da un punto di vista dei fatti, del diritto e dell'economia".

"Siamo rispettosamente in disaccordo con le conclusioni annunciate oggi. Analizzeremo nel dettaglio la decisione della Commissione, considerando la possibilità di ricorrere in appello, e continueremo a sostenere la nostra causa". Sono invece in sospeso le procedure antitrust sul sistema Android e su pubblicitario AdSense. Anche perché circa un anno fa era arrivata dal Vecchio Continente la maxi-sanzione contro Apple: 13 miliardi per vantaggi fiscali in Irlanda. Ma Trump potrebbe vederla diversamente.