G7 Ambiente, accordo completo a parte postilla USA

G7 Ambiente, accordo completo a parte postilla USA

Bologna, 12 giu. (AdnKronos) - Si è chiuso il G7 ambiente di Bologna con una dichiarazione finale adottata all'unanimità che vede però una postilla degli Stati Uniti che non aderiscono alla sezione relativa al cambiamento climatico e alle banche di sviluppo. Pertanto, rifacendosi a quanto previsto dal protocollo di Kyoto, ha deciso di sostenere progetti di crescita economica "climate friendly" in paesi in via di sviluppo, finanziando installazioni di solare fotovoltaico in Bangladesh, programmi di sviluppo di energia rinnovabile in Pakistan, e di distribuzione di lampade illuminazione a basso consumo in Ruanda. "L'accordo di Parigi sul clima è irreversibile, non negoziabile e l'unico strumento possibile per combattere i cambiamenti climatici", ha concluso il ministro. "In una quarta rivoluzione industriale, quella dell'economia circolare e dell'attuazione dell'Agenda 2030 e dell'Accordo di Parigi - ha spiegato - dobbiamo far si che i Ministeri dell' Ambiente siano parte attiva e integrante della politica economica". I tre si sarebbero traditi con un atteggiamento 'sospetto' e avevano in macchina anche una maschera di Anonymous e alcune felpe con cappuccio: motivi che hanno spinto gli agenti a perquisire la vettura e trovare le armi. "Sono accomunati anche da sistemi democratici e di mercato più aperti e rispettosi dei diritti ambientali". "Lavoreremo all'integrazione delle dimensioni economiche, sociali e ambientali dello sviluppo sostenibile - si legge nel documento - perchè nessuno rimanga indietro, a beneficio delle persone, del pianeta, della prosperità, della pace e della cooperazione, e con l'obiettivo di condividere le rispettive esperienze".

L'Accordo di Parigi sul clima rimane orfano degli Usa.

Il ministro dell'ambiente italiano Galletti, durante una pausa dei lavori del G7, ha espresso la propria soddisfazione per l'accordo completo su tutti i temi affrontati, "tranne sul clima". I sette paesi si dicono anche impegnati per la finanza sostenibile e per favorire le piccole e medie imprese, specie quelle gestite da donne, ritenute strategiche per lo sviluppo di nuove tecnologie verdi. "Con gli Usa ci auguriamo possa proseguire in futuro un dialogo costruttivo, ma sulla base di questi punti.Ogni opzione diversa per noi è esclusa". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, in una pausa dei lavori del G7. Stiamo facendo un lavoro di ricucitura.

"Poteva essere un G7 della rottura ed invece è stato il G7 del dialogo", ha detto il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, a conclusione del G7 Ambiente. Il rappresentante degli Usa resta poche ore, per partecipare proprio alla sessione sul clima prima di ripartire per Washington dove lo aspetta il presidente. Poi ripeto le posizioni, in particolare su Parigi, sono posizioni distanti, ma l'importante è non perdersi.

Rossi, gialli, tondi, oblunghi: di pomodori ce ne sono davvero di infinite qualità e per tutti i gusti.