Furti allo 'schiuma party', tre arresti

Furti allo 'schiuma party', tre arresti

I carabinieri hanno arrestato per tentato furto aggravato Gianluca Porrovecchio, 35enne palermitano.

Tra i giovani intenti a riempirsi di schiuma nella pista di una discoteca del comprensorio ceramico reggiano c'erano tre ragazzi che, approfittando del trambusto dello 'schiuma party', si sono impossessati di smartphone e catenine in oro strappate dal collo delle vittime.

In manette sono finiti un 20enne e un 18enne residenti a Bibbiano, Maicol Comastri e Leisle Alexander Oyarce e un 20enne di San Polo, Mahdi Abouelth. Questo permetteva ai militari di intercettare il mezzo segnalato nei pressi di un importante centro commerciale del capoluogo ma, quando gli operanti decidevano di procedere al controllo, il conducente dell'autovettura non ottemperava all'alt ed anzi, a forte velocità, cercava di dileguarsi. I carabinieri dopo un breve inseguimento hanno bloccato Porrovecchio e recuperato alcuni arnesi da scasso che l'uomo aveva abbandonato. Sull'auto i Cc hanno trovato una decina di smartphone e iphone, mentre in un portafoglio c'erano due catenine in oro giallo. I tre sono stati arrestati e portati in carcere a disposizione della Procura reggiana. Su di loro adesso si stano indirizzando le attenzioni investigative dei carabinieri che non escludono la loro responsabilità in altri colpi compiuti con le stesse modalità in altre discoteche dell'Emilia Romagna. Nelle more che le indagini facciano il loro corso i carabinieri di Casalgrande invitano i giovani che la notte scorsa siano stati derubati nella discoteca del reggiano a presentarsi in caserma per ottenere la restituzione di quanto asportato: nelle mani dei militari c'è ancora una collanina e un iphone che attendono i rispettivi proprietari. Singolare il caso di un minorenne derubato, che non voleva denunciare il furto per paura della reazione dei genitori, a cui aveva taciuto di essere andato a ballare.