Firenze, sfila in centro il corteo contro i vaccini obbligatori

Firenze, sfila in centro il corteo contro i vaccini obbligatori

"E l'atto più amorevole che potete fare". Il decreto potrebbe arrivare fra lunedì e martedì in Gazzetta Ufficiale.

Recente è anche il voto dei consiglieri comunali di Milano che hanno approvato una mozione per introdurre di fatto l'obbligo di vaccinazione per i bambini che si iscriveranno agli asili di Milano dal 2018/2019. Il risultato della non vaccinazione non sarà l'esclusione dalla scuola, ma la sanzione ai genitori. I presidi devono inoltre segnalare all'Asl la presenza di un genitore che insiste nel non vaccinare e l'Asl deve segnalarlo al Tribunale dei minori. "Il decreto - ha chiuso - non lo posso anticipare".

La resistenza alla scienza c'è sempre stata, però, anche grazie a uomini come Edward Jenner, i vaccini hanno funzionato. Il governo, senza nessuna evidenza epidemiologica, sta cercando di punire chi non si conforma al pensiero unico scientifico. Dopo le minacce al medico e virologo Roberto Burioni da parte dei no vax, a quanto pare è toccato anche a Walter Ricciardi, il quale tuttavia prosegue nel far sapere il perché essere contro i vaccini è una follia. I genitori e i numerosi medici sono scesi in piazza a Milano, Bologna, Roma, Firenze, Torino, Parma, Padova, Udine, Catania raccogliendo l'invito di associazioni e movimenti di protesta. Perché non moriamo? Grazie al nostro sistema immunitario. "La tecnica più sicura che la medicina possa offrire". "Gli altri virus continuano a circolare". All'incontro si sono presentati numeri impressionanti.

"Le multe - ha aggiunto - arrivano a 7.500 l'anno per figlio". Cioè, spiega Martelloni, "non un innalzamento delle soglie di vaccinazione ma un irrigidimento di persone che si sentono violate nella propria capacità di comprendere". "Dal 2011, grazie ai vaccini, sono stati salvati 2,5 milioni di persone, ma ora bisogna lavorare affinché le soglie tornino a salire", ha ribadito Ricciardi. Di fronte alle tante polemiche sui rischi e sugli effetti collaterali dei vaccini, Ricciardi conferma che "in Italia non è mai morto nessuno per i vaccini e che la possibilità di una reazione avversa importante è 1 su un milione".